Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

martedì 25 ottobre 2011

Confettura piccante di cipolle di Tropea al profumo di zenzero


Stamattina, andando a lavoro, ho capito perchè mi piace l'autunno.
E' una stagione confortante, di transizione e quindi di possibilità. Mi piacciono gli odori di questa stagione, le immagini calde che evocano, la freschezza pungente dell'aria che li porta e l'annuncio che fanno dell'inverno e del Natale (sì, sono già in pieno delirio pre-natalizio, sappiatelo! :)
Mi piacciono i colori, vivi, avvolgenti e sfumati. E mi piace la malinconia che mi prende sempre in questa stagione perchè non è una malinconia negativa, ma quasi una dolcezza, uno sguardo intenerito verso le cose di oggi e quelle di ieri. Inevitabilmente si apre uno sguardo sul passato in autunno, e con esso si fanno bilanci, ma senza la lucidità che normalmente si concretizza ad inizio anno, quando l'inizio è più ufficiale e definitivo.
Per ora è più simile ad uno stato riflessivo, ad una prima percezione di cambiamento (che non per forza deve essere poi epocale!), e lasciarsi illudere dalle mille possibilità che la vita apre (o potrebbe aprire) è più facile in questo periodo.
Mi viene d'improvviso una gran voglia di viaggiare, di creare, di inventare...
Poi guardo in giù e vedo i miei piedi ben piantati al suolo, prendo un respiro profondo, e comincio a ritrovare l'uso della logica e della necessità, senza delle quali a quest'ora forse sarei un'animo vagabondo senza soldi e senza legami, spersa in chissà quale luogo solitario, lanciata all'inseguimento delle ultime illusioni... :) (sto esagerando?! eheh! Chissà...! :)

Beh, tutto questo popò di autunno, mi ha incollato in cucina in questo periodo e mi sta dando non poche soddisfazioni quest'anno! :)
La ricetta di oggi (che prende spunto da una splendida realizzazione del Cavoletto) è proprio una di quelle ricette di transizione, secondo me, che si adatta perfettamente a tutto il bla bla di poco prima.. :)
E' una ricetta dove trovano incontro le mie ben radicate tradizioni calabresi e le fresche novità di una vità che nell'ultimo anno, tra matrimonio, trasloco e blog, ha avuto uno stravolgimento mica da ridere! :)
Io l'ho servita sul formaggio, in un binomio confettura-pecorino sempre vincente, ma la trovo ottima anche in solitaria, splamata su una morbida fetta di pane fresco!

Confettura piccante di cipolle di Tropea al profumo di zenzero

1 cipolla rossa di tropea
1 pezzetto di zenzero (di circa 1/2 cm)
1 cucchiaio e 1/2 di zucchero di canna
1/2 bicchiere di vino rosso
1 cucchiaino di origano
la polpa di un mapo pelato a vivo (il mapo è un frutto molto profumato della famiglia degli agrumi, dolce e aspro insieme, ma volendo può essere sostituto bene da un lime)
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
2 peperoncini (quelli che ho usato io sono quelli che vedete in foto, piccolissimi ma piccanti al punto giusto)

Tagliare a fettine sottili la cipolla e metterla in un pentolino con l'olio e l'origano a fuoco basso in modo che si ammorbidisca, ma senza friggersi. Non appena si ammorbidisce, aggiungere lo zucchero, la polpa del mapo, lo zenzero tritato o tagliato a pezzettini molto piccoli, e sfumare con il vino. Far cuocere a fuoco medio-bassofinchè non si addensa, girando di tanto in tanto per evitare che si attacchi. Se necessario, aggiungete un altro po' di vino o una tazzina d'acqua. Una volta pronta, se l'intenzione è di consumarla subito, mettetela nella ciotolina in cui volete servirla e fatela raffreddare prima di portarla in tavola (anche se a me piace anche calda!)
Se invece l'idea è di conservarla, allora mettetela ancora bollente in un barattolino di vetro appena sterilizzato*, chiudete subito con il tappo e capovolgete il barattolo conservandolo al buio avvolto in un canovaccio per qualche ora. In questo modo il calore della confettura sigillerà il barattolo. Se ben fatto, questo procedimento permette di conservare la confettura fino ad un massimo di 6 mesi (ammesso che riusciate a non finirla prima! ;)

*Per sterilizzare i barattoli (e i coperchi), li metto in una pentola piena d'acqua e li faccio bollire per 5/10 minuti. Poi li metto ad asciugare all'ingiù su un canovaccio pulito prima di utilizzarli.

Con questa stuzzicante confettura dal colore rosso intenso, partecipo al rossissimo contest della Cucina di Barbara:

12 commenti:

  1. Buona questa confettura!!!
    è da un sacco che voglio fare la confettura di cipolle di tropea da accompagnare con dei formaggi, ma anche sopra la carne!
    La tua ricetta deve essere ottima! Anche l'idea dello zenzero mi piace!
    Me la segno!
    Un bacio, ciao!

    RispondiElimina
  2. "un'animo vagabondo senza soldi e senza legami, spersa in chissà quale luogo solitario, lanciata all'inseguimento delle ultime illusioni..."
    ti stai ispirando a qualcuno, vero? ;-)

    RispondiElimina
  3. "2 peperoncini (quelli che ho usato io sono quelli che vedete in foto)"
    indove?

    RispondiElimina
  4. Ups...hai ragione Cappu, metto subito la foto! Eheheh!

    VaNe, sì, confermo, è buona e lo zenzero (che proprio calabrese non è) dà quel pizzicore fresco che a me piace un sacco! :)

    RispondiElimina
  5. comunque sembra una bomba!

    sempre lui, è solo che ha finito gli account

    RispondiElimina
  6. Lo è! E' una confettura profumata e dal sapore deciso! Poi, certo, devono piacere gli ingredienti che contiene per poterla apprezzare, anche perchè gli ingredienti si sentono tutti! :)

    RispondiElimina
  7. Spettacolo la confettura di cipolle, con peperoncino e zenzero poi, dev'essere davvero particolare. Molto interessante, stampo e se riesco a farla ti faccio sicuramente sapere!!
    Grazie cara :-)

    RispondiElimina
  8. Buona!!! Già naturale è una squisitezza, ma la punta piccante che gli hai dato deve renderla semplicemente divina!

    RispondiElimina
  9. @Mariangela, se la fai, fammi sapere che ne pensi! ;)

    @Lerocherhotel, ad onor del vero l'idea per la punta di piccante non è mia, ma del Cavoletto. Io ho aggiunto il Mapo, lo zenzero e sostituito il vino bianco con quello rosso.. ;)

    RispondiElimina
  10. sull'uso della logica e della necessità, mi si è stampigliato un sorriso di qui a lì :)

    RispondiElimina
  11. Ma che bella! Scommetto che è anche ottima! :)

    RispondiElimina
  12. Leggendoti quasi mi fai cambiare idea sull'autunno :) che belle parole e che bella confettura di cipolle!
    Grazie per partecipare al mio contest, vado ad inserirti subito!
    Un caro saluto,
    Barbara

    RispondiElimina