Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

mercoledì 3 febbraio 2016

Crostata integrale con marmellata all'arancia

Un post un po' sottotono oggi.
Grigio e pioggia oggi non aiutano e ammazzano l'energia. Idem per la nottata quasi interamente insonne.
C'è stranamente silenzio in casa (l'aquilotto ronfa..) e, nonostante avrei mille cose da fare, sono inchiodata qui, sul mio divano. Ho sonno e non ho voglia di fare nulla. Per cui scrivo cercando di concentrarmi sul ticchettio delle dita sulla tastiera. E' un suono che mi rilassa ed è in perfetta sintonia con la pioggerellina sottile che si intravede al di là delle tende.
Un'atmosfera cupa, invernale e quasi ovattata che si abbina a pensieri sparsi e quanto mai confusi. 
Progetti, idee, dubbi, che ronzano tutti in modo scomposto, quasi a voler contribuire al mio torpore.

Non è la giornata giusta per fare chiarezza, mi pare evidente, e anche la ricetta di oggi inevitabilmente ne risente. 
Una crostata, dolce e rustica con note acidule date dalla confettura di agrumi. 
Niente descrizione. La base è la stessa utilizzata per le mie crostatine al mascarpone e marroni, l'interno è un'ottima marmellata di arance home made (non da me, l'ho acquistata ad un mercatino in oratorio da una signora che di marmellate se ne intende!)
Una ricetta non ricetta quindi. Un'idea, un po' svogliata, di una torta fatta qualche tempo fa e che ora, come sempre, non disdegnerei affatto.

giovedì 28 gennaio 2016

Vellutata di carote zucchine e patate con crumble di pane e speck


Da queste  parti sono riapparsi barattolini di varia misura per congelare il brodo, omogenizzati e cucchiaini plasticosi. Ci siamo. Si avvicina il momento dello svezzamento del secondo Zenzerino in famiglia. :)
Nonostante debba ancora compiere il quinto mese, esigenze di copione (vedi: rientro al lavoro) impongono un leggero anticipo sui tempi di introduzione dei vari alimenti. Abbiamo già approcciato mela e pera, non senza difficoltà a dire il vero..

Mentre lo Zenzerino numero uno, infatti, buttava giù i suoi primi cucchiaini di frutta come se non avesse aspettato altro dalla nascita, qui siamo ai livelli di mezzo cucchiaino alla volta seguito da smorfie e spernacchi che sottolineano un'indignazione per avergli proposto qualcosa di diverso dalla sua amata tetta! :)

Così, per non scoraggiarmi (e anche perchè sono in una fase di super organizzazione della mia vita!) mi sono portata avanti preparando vasetti e vasetti di brodo base per la pappa.
Ovviamente nella prima fase si realizza un brodo semplice, che non prevede altro che l'acqua di cottura delle verdure. "E di queste poverelle lesse e senza sale ora che ci faccio?" mi sono chiesta guardando sconfortata le zucchine, le carote e le patate che mollemente soggiornavano sul fondo della pentola.

Mangiarle così, per così dire "nature", non se ne parlava nemmeno. Troppo tristi.
Così le ho frullate, salate, ingentilite con qualche spezia, e decorate con una panure (anche se crumble fa più figo!) gustosa.
Et voilà! Un piatto da gourmet! :)

Vellutata di carote zucchine e patate con crumble di pane e speck

2 zucchine
2 patate piccole
2 carote
5 cucchiai di panna da cucina (io ho usato la panna di soia per limitare i danni..)
un pizzico di curcuma
un pizzico di coriandolo macinato
un pizzico di curry
sale
mollica di pane
2 fettine di speck

Mettete a bollire le verdure in acqua fredda. Una volta pronte, toglietele dal fuoco e frullatele con il minipimer e aggiustate di sale. Aggiungete le spezie (che in realtà possono variare in base ai gusti e alle disponibilità..) e la panna. Mescolate e fate cuocere altri 30 secondi, giusto il tempo che anche la panna prenda la temperatura della vellutata. 
A parte, in una pentola antiaderente, mettete a tostare la mollica di pane con lo speck tagliato a striscioline.
Servite la zuppa calda con una manciata di pane e speck spolverata in superficie. 



giovedì 21 gennaio 2016

Bucatini con sugo di peperoni agro

La presentazione di questo piatto lascia a desiderare, lo so. E io continuo a giustificarmi per l'aspetto terribile delle mie foto, so anche questo.
E' che mi sento in colpa perchè fare belle foto non è solo un modo per mettersi in mostra nell'affollato mondo del food, ma serve a rendere giustizia ad un buon piatto, perchè chi legge possa avere la percezione di aver assaggiato quello che tu, a casa tua, hai preparato.
E' un modo per condividere.
Ecco, nel mio caso bisogna spesso lavorare di immaginazione perchè credo che, in ogni caso, sia meglio una foto che di stilistico non ha nulla, piuttosto che affidare tutto solo al testo.

Beh, comunque questo piatto era davvero notevole nonostante l'estrema semplicità di preparazione.
E' uno di quei primi che conciliano con il mondo, quasi un confort food. Almeno per me! ;)

Bucatini con sugo di peperoni agro
(per 2)

160 gr di bucatini
1 peperone rosso
2 cucchiai di aceto rosso
1/2 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
polpa di pomodoro

Per prima cosa lavate il peperone e tagliatelo a quadretti privandolo del picciolo e dei semini interni. In una padella mettete a scaldare il cucchiaio di olio con un  cucchiaio di acqua. Mettete i peperoni, salate, aggiungete l'aceto e lo zucchero e coprite. Fate cuocere una ventina di minuti girando di tanto in tanto. 
Cuocete i bucatini un una capiente pentola con acqua bollente, salate, e una volta cotti, aggiungeteli brevemente ai peperoni.

Servite, se volete, con del peperoncino.

martedì 12 gennaio 2016

Crostatine alla crema di marroni e mascarpone


Buongiorno!! Oggi viene proprio voglia di sorridere! sì, il sole mi fa questo effetto, sopratutto se dopo giorni e giorni di nebbia incessante e inclemente.
Oggi no, oggi c'è un bel sole e un gran cielo azzurro! Ci sono anche 2 gradi, ma che importa?! 
Sono appena rientrata da una passeggiata mattutina durante la quale mi sono soffermata qualche minuto su una panchina soleggiata in cascina grande, qui a Rozzano. Si stava benissimo!!!!

Ma non temete, non è solo del meteo che voglio scrivere oggi. Ho delle ottime crostatine da proporvi in versione non proprio light (ma "lightizzabili"! Eheh! :) che ho preparato un paio di sere fa.

La prendo alla lontana: durante le passate festività una sera mio papà è rientrato in casa tutto tronfio con un vassoietto di enooormi marron glacée in mano, convinto e sicuro che io li adorassi. In realtà è parzialmente vero perchè adoro le castagne, ma i marron glacée sono davvero troppo dolci per i miei gusti. Così con mia mamma abbiamo pensato ad un modo di utilizzare quel concentrato di zucchero in modo creativo e gustoso e la soluzione che ci è sembrata la migliore è stata quella di sbriciolarli nella ricotta e farci una crostata.

Altro regalo natalizio: crema spalmabile di marroni infornati e cioccolato fondente. Mi si sono illuminati gli occhi quando l'ho ricevuta. Poi l'ho assaggiata e il sapore non era all'altezza delle mie aspettative.. cioè, buona, ma davvero poco poco zuccherata. 

Perciò, facendo uno più uno, (e unendo qualche cosa in più qua e là), sono nate queste crostatine che, a me, sono piaciute tanto! :)

Crostatine alla crema di marroni e mascarpone

Per la frolla:
200 gr di farina 00
100 gr di farina di grano saraceno
70 gr di olio di mais
100 gr di zucchero
1 uovo
1/2 bustina di lievito

Per la farcia:
250 gr di ricotta
70 gr di zucchero (40 gr se usate i marron glacée)
2 cucchiai di mascarpone
4 cucchiai di crema di marroni (o 6 marron glacée schiacciati o sbriciolati)
2 cucchiaini di cacao amaro

Iniziate impastando tutti gli ingredienti della frolla, impastate per bene e mettete il panetto ottenuto in frigo per almeno mezz'ora.

Intanto, in una ciotola, lavorate la ricotta con gli altri ingredienti. Assagiate e regolate di zucchero o di cacao in base al gusto che volete raggiungere.

Prelevate dal frigo la frolla, stendetela e ricavatene dei cerchi di circa 10 cm di diametro.
Mettete al centro di ogni cerchio un cucchiaio dell'impasto di ricotta e coprite con un altro disco di pasta inciso in superficie.
Infornate a 180 gradi per una ventina di minuti in forno preriscaldato.

martedì 8 dicembre 2015

Biscotti integrali senza uova

Finalmente un po' di pace e silenzio. Quando si hanno bimbi piccoli che animano e movimentano casa, momenti come questi, quando tutti dormono, sono, oltre che rari, estremamente preziosi!
E così ne approfitto, mi siedo a gambe incrociate sul divano con un bicchiere fumante di infuso di mela profumato alla cannella, e mani sul pc, provo a raccontarvi di questi biscottini.

Shhh, e buona serata!


Biscotti integrali senza uova

200 gr di farina 00
100 gr di farina integrale
90 gr di zucchero di canna
50 gr di olio di mais
un pizzico di sale
1/2 bustina di lievito vanigliato
120 ml di latte

Mescolate tutti gli ingredienti in una ciotola partendo da quelli secchi. Formate una palla, avvolgete nella pellicola e fate riposare (anche in frigo volendo) una mezz'oretta. Stendete l'impasto aiutandovi con un po' di farina per evitare che si attacchi. Con delle formine ritagliate dei biscotti e disponeteli su una teglia rivestita da carta forno. Infornate a 180 gradi per una quindicina di minuti. Serviteli con del profumato tè, magari ricoperti di zucchero a velo. :)