Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

giovedì 30 aprile 2015

Spiedini di salmone marinati al limone, zenzero e pepe rosa


Dunque, fatemi dire che il mio amore smisurato per il pesce si è parecchio ridimensionato già dopo la prima gravidanza. Purtroppo, aggiungo, vista anche la varietà di pesci, molluschi e crostacei che il mare ci offre..
Non è che non lo mangio più, intendiamoci! Resta invariato il fatto che io mangio tutto (ma proprio tutto!) e ne vado fiera, ma l’acquolina in bocca che mi faceva venire il profumo del pesce alla piastra o fritto o anche solo in padella…ecco, quella, non ce l’ho più.

Detto questo, l’altra sera ho trovato in rete una ricetta di spiedini di salmone con un condimento parecchio interessante per cui, mi sono detta “mah sì, proviamo!”
Il salmone, tra l’altro, un po’ come il tonno, ha il grande rischio di diventar stopposo se troppo cotto, ma con questa marinatura resta morbidissimo e saporito.
Insomma, provatela, secondo me ne vale la pena!

Spiedini di salmone marinati al limone, zenzero e pepe rosa

2 tranci di salmone fresco
1 limone
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
Zenzero grattugiato
½ cucchiaino di pepe rosa
Sale e pepe qb

In una ciotola mettete il succo del limone, l’olio, lo zenzero grattugiato, il pepe rosa e salate e pepare il tutto.
Privare i tranci di salmone della pelle e delle lische centrali. Tagliare la polpa a cubetti e metterla a marinare nel condimento preparato lasciandolo riposare per circa 15 minuti.
Poi preparare gli spiedini infilzando i cubetti di salmone su degli stecchini lunghi e mettere in forno preriscaldato a 180° per 10 minuti al massimo.

Se necessario aggiungete un filo del condimento usato per la marinatura anche a cottura ultimata.

mercoledì 29 aprile 2015

Pennette miste con broccoli e olive nere




Il broccolo, un po' come il cavolfiore, è per me un alimento monotono. Poverino, non è colpa sua in realtà, ma dipende per lo più dalla monotonia delle ricette che lo coinvolgono nella mia cucina...in insalata. Punto.
E' un peccato però, perchè offre un sacco di spunti di abbinamento con altri alimenti (che ne so, il riso...oppure le acciughe...)
Ma io imperterrita lo faccio solo in insalata.
Sempre, tranne oggi!
Protagonista assoluto di questa pasta mooolto buona!
Prendete spunto se vi va, e fatemi sapere che ne pensate!

Pennette miste con broccoli e olive nere

1\2 broccolo 
8-10 olive nere al forno
1 cucchiaio di olio evo
1\2 cucchiaino di paprica dolce
1 spicchio d'aglio
sale q.b.

Iniziate pulendo il broccolo, dividendolo in parti uguali e cuocendolo preferibilmente al vapore. In questa maniera conserverà le sue proprietà nutritive e per voi sarà più facile mantenerlo al dente evitanto che si disfi per l'eccessiva cottura. Una volta pronto, tagliatelo a pezzettini molto piccoli, o se preferite grattuggiatelo grossolanamente con i denti larghi della grattuggia. Mettetelo in una padella capiente con il cucchiaio d'olio e lo spicchio d'aglio. Aggiungete subito la paprica, il sale e le olive e lasciatelo insaporire per qualche minuto a fuoco basso, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta (che nel frattempo avrete iniziato a cuocere) per evitare che il condimento si asciughi troppo.
Scolate la pasta e saltatela rapidamente con il condimento prima di servire.



Ilaria Fuscaldo

martedì 28 aprile 2015

Ravioli di brasato con crema di ricotta e fiori di zucca





Questa è una di quelle ricette che nascono dal genio creativo di mia mamma che, prontamente, risponde ai miei appelli di aiuto disperato quando, tornata da lavoro un po' più tardi del solito e senza niente di pronto per cena, mi tocca inventarmi qualcosa per evitare di ordinare (ancora) cinese!
Ecco che lei, invece, maga dell'improvvisazione e veterana delle idee salvacena, se ne esce candidamente con qualche semplice idea per lo più vincente.
Il solo rischio è che dia per scontato che sia tutto facile e fattibile in 2 minuti (cosa non sempre vera in effetti!), ma questa volta ci ha proprio azzeccato!

Ravioli di brasato con crema di ricotta e fiori di zucca

1 porzione di ravioli di brasato (io ho usato quelli di Giovanni Rana)
2 cucchiai di ricotta vaccina
2 o 3 fiori di zucca
un pizzico di curcuma
sale e pepe qb
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
qualche fogliolina di timo

Il bello di questa ricetta è che si prepara nello stesso tempo in cui si cuociono i ravioli (3 minuti!), per cui mettete pure a cuocere i ravioli e subito dopo in un mixer o con un frullatore ad immersione frullate tutti gli ingredienti che compongono la salsa. Se dovesse sembrarvi troppo pastosa, aggiungete uno o due cucchiai di acqua di cottura dei ravioli.
Et voilà! Una volta cotti, condite la vostra pasta con la crema di ricotta ottenuta e godetevi uesto semplicissimo ma ottimo piatto!



venerdì 24 aprile 2015

Mezzemaniche con agretti e zenzero

 

Che meraviglia la primavera! Ti stordisce con i suoi ritmi, con il cambio d'ora e con la flemmatica voglia di oziare tutto il giorno, ma ti riempie anche di odori e di colori e di sapori.
E' un risvegliarsi continuo, un piccolo riacquistare energie e spogliarsi di ciò che, nel sole estivo, proprio non ci serve.
Riscoperta è la parola che, per me, più si addice a questo periodo. 
Riscopro cibi  che avevo dimenticato di apprezzare e ne riscopro abbinamenti persi o sconosciuti. 
Gli agretti ne sono un esempio lampante.
Fino a qualche anno fa neanche sapevo cosa fossero, poi una volta scoperti me ne sono innamorata e li ho preparati ripetutamente. Fino alla stagione successiva, quando mi sono dimenticata della loro esistenza. E ritorna la primavera, e con lei anche gli agretti. E il cerchio ricomincia! 
Oggi ve li propongo in versione "zenzerata", come condimento per la pasta. Una ricetta semplicissima, ma fresca e super saporita!
Io l'ho adorata!

Mezzemaniche con agretti e zenzero

80 gr di mezzemaniche (meglio se di buona qualità, tipo De Cecco)
1 ciuffetto di agretti puliti
zenzero grattugiato
1/2 cucchiaino di paprica dolce
1 cucchiaio d'olio evo
sale q.b.
1 spicchio d'aglio

Per prima cosa fare rosolare leggermente lo spicchio d'agilio con il cucchiaio di olio in una pentola antiaerente. Aggiungete gli agretti e un paio di cucchiai di acqua per evitare che friggano. coprite e fate cuocere per qualche minuto. Aggiungete lo zenzero grattugiato (quantità secondo gradimento...diciamo 1/2 cucchiaino) e la paprica. Continuate la cottura affinchè il condimento si insaporisca per bene. Cuocete la pasta e scolatela al dente facendola ripassare qualche minuto in padella prima di servire. Se preferite, aggiungete un tocco piccante con un po' di peperoncino in scaglie o un pizzico di paprica piccante.


Ilaria Fuscaldo