Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

venerdì 12 ottobre 2012

Insalata di zucca, ricotta salata e nocciole




Oggi mi aspetto di vedere il fumo uscire dai camini e la gente per strada avvolta in piumini e pellicce. Il termometro segna 15 gradi, ma l'atmosfera è da luci natalizie, forse anche a causa del fatto che, pur essendo le 8, la giornata non è ancora davvero iniziata.
Il pupetto se la dormicchia nella sua carrozzina, tutto avvolto nella prima tutina di ciniglia della stagione (fatta eccezione solo per quella che ha indossato in sala parto dove ci saranno stati 2 gradi!), io bevo la mia solita tazza di latte e mi godo un pò di silenzio e tranquillitá.
Ottimo momento, quindi, per parlarvi di questa insalata di zucca che fa tanto autunno secondo me e che io ho scopiazzato e riadattato da Chiaretta di Chi ha rubato le crostate? A lei in quanto a ricette con la zucca (e a panificazione con il lievito madre) non la batte proprio nessuno!
Vi avevo annunciato nello scorso post che avrei iniziato un periodo molto...zucchesco! Siamo ad ottobre, quando sennò?!
La zucca che ho usato qua è la mantovana, quella verde, un pò schiacciata, che ha un sapore dolce e una consistenza, una volta cotta, simile alla patata, per cui molto versatile.
In questo caso l'ho cotta in forno, ma a me piace molto anche semplicemente cotta al vapore, da mangiare cosí, senza aggiunta di nulla!
Ecco, provate a farvi ispirare dai colori di questa insalata e godetevi i primi sapori d'autunno..!

Insalata di zucca, ricotta salata e nocciole

1/2 zucca mantovana
Un tocchetto di ricotta salata
Due cucchiai di nocciole
Un ciuffetto di rosmarino
Un pò di spezie: chiodi di garofano, cannella, e paprica dolce
Olio extravergine di oliva
Un pizzico di sale

Tagliate la zucca a fette abbastanza sottili e mettetele su una teglia ricoperta da carta forno senza privarle della buccia. (Ho sperimentato anche io per la prima volta, seguendo il consiglio di Chiara, l'assaggio della buccia della zucca che, dopo cotta diventa morbida e mangiabilissima!) 
Spolverate la zucca con un pizzico di sale, uno di cannella, uno di paprica e qualche chiodo di garofano. Aggiungete il rosmarino e coprite con un foglio di carta argentata prima di mettere in forno per una ventina di minuti a 180gradi circa. Trascorso questo tempo, togliete il foglio di carta argentata e fate cuocere per altri 20minuti.
A questo punto estraete la zucca dal forno e fatela raffreddare un pò a temperatura ambiente. Disponetela poi in un piatto o in una ciotola e condite con nocciole, scaglie di ricotta salata e un filo d'olio extravergine di oliva.

mercoledì 10 ottobre 2012

Pumpkin pancakes, sapori d'autunno



É solo una delle ricette con la zucca che aprono ufficialmente la stagione autunnale. Con un pensiero sempre rivolto a New York in questo periodo, infatti, la zucca sará uno degli alimenti predominanti e persistenti sulla nostra tavola, sia perché é buona (mi pare chiaro, no?) e sia perché ha un colore che mi piace assaissimo (altro ottimo motivo direi!)
Ecco perció un classico delle mie colazioni ormai, (da quando ho scoperto quanto sia facile e veloce farli!) i pancakes, questa volta in versione...halloween! :)



Pumpkin pancakes

4 cucchiai di farina
1/2 cucchiaio di zucchero
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 bicchiere di latte
2 cucchiai di purea di zucca
Un pizzico di cannella
Un pizzico di noce moscata
Un pizzico di zenzero in polvere
Scioroppo d'acero e un ricciolo di burro per il topping

Unire in una ciotola tutti gli ingredienti mescolando con una frusta manuale. Non importa se l'impasto risulta grumoso, l'importante é che tutti gli ingredienti siano stati amalgamati tra di loro.
Far riposare l'impasto a temperatura ambiente per una decina di minuti.
Ungere una piastra antiaderente con un pó di burro o margarina e asportare quello in eccesso utilizzando un foglio di scottex.
A piastra ben calda, versare un pó di impasto con l'aiuto di un cucchiaio e attendere che si formino delle bollicine sul pancake prima di girarlo. Una volta che entrambi i lati sono ben dorati, metterlo in un piatto, aggiungere un ricciolo di burro e un pó di sciroppo d'acero (non troppo altrimenti risulterá troppo dolce) e servire.
Buona colazione! :)

mercoledì 3 ottobre 2012

Torta pesche e amaretti e un nuovo splendido inizio!


"Un bambino è un amore diventato visibile" [Novalis]


Chi mi segue con una certa regolarità ( ma anche chi passa di qui saltuariamente secondo me...non parlavo d'altro nei miei post da un pó di tempo a questa parte! ) sapeva il motivo della mia assenza dal blog e prima ancora dai fornelli.
Il bimbo piú bello del mondo (!!!) é nato l'8 settembre alle 2 del mattino, rendendo me e Andrea dei neo genitori forse un pó imbranati, ma molto molto orgogliosi del nostro piccolo capolavoro! ^_^
Ovviamente questo colossale cambiamento di vita non mi ha dato molto tempo (né voglia, diciamolo!) di sperimentare ai fornelli, ma ora che il nostro ometto ha "già" 3 settimane compiute, la mamma (cioé io! Mi ci devo ancora abituare..eheh!) é riuscita a fare il suo primo dolce! Questa torta nasce dalla necessitá di avere qualcosa da offrire ad amici e parenti in visita e la caratteristica fondamentale che la ricetta doveva avere era ovviamente la velocitá!
Rubata da internet e quasi completamente riadattata in base agli ingredienti in mio possesso, eccovi il risultato, e bentornata a me nel mondo del web! :)



Torta pesche ed amaretti

160 gr di farina
2 uova
70 gr di zucchero di canna ( piú un paio di cucchiai per la copertura)
1/2 bustina di lievito
1 bicchiere di latte
Una manciata di amaretti sbriciolati (circa una trentina)
3 cucchiai di olio di semi
2 pesche

Il procedimento é molto semplice: si parte dal mescolare bene con una frusta (anche manuale va bene) le uova con lo zucchero e poi si aggiungono tutti gli altri ingredienti. Le pesche potete aggiungerle all'impasto o adagiarle sopra una volta versato il tutto nella teglia. Spolverate poi la superficie del dolce con un paio di cucchiai di zucchero di canna.
Infornate a 180 gradi per circa 30 minuti.