Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

venerdì 2 novembre 2012

Tortino improvvisato di melanzane , zucca ed emmental




Sono sempre più convinta che i piatti che nascono per caso sono i migliori. Basta sbirciare in frigo (o in freezer), aprire la mente e far andare le mani in sincrono con le idee. Credo che i migliori piatti usciti dalla mia cucina sono nati proprio cosí. Ed è anche il caso di questo tortino, venuto fuori dal nulla in una giornata in cui il frigo ospitava delle melanzane già grigliate ma non condite e della zucca cotta al vapore. A dirla tutta, la polpa della zucca era un pò troppo morbida per il mio tortino, per cui ho usato la buccia avanzata da un altro esperimento per dare consistenza. Sì, perchè oramai della zucca cucino anche la buccia (Chiara docet! :) che, una volta cotta si ammorbidisce e diventa mangiabilissima, pur restando più soda della polpa. In ogni caso, ovviamente, si può scegliere di usare la polpa, ma non bisogna cuocerla troppo in modo che non si disfi completamente una volta utilizzata nel tortino.
Il procedimento è talmente semplice che potrei anche non scriverlo, ma visto che ci siamo... :)

Tortino di melanzane , zucca ed emmental

Melanzane grigliate
Zucca a tocchetti cotta a vapore
Emmental
Pan grattato
Parmigiano grattuggiato
Olio EVO
Sale

Per prima cosa ungete la vostra teglia o pirofila (io ho fatto due cocotte monoporzione) con un filo d'olio e cospargetela di pan grattato. Foderatela di malanzane e riempite con pezzetti di zucca ed emmental a strati alternati, aggiungendo ad ogni strato un pò di pan grattato (serve per assorbirne l'eccessiva umidità). Ricordatevi di aggiungere un pizzico di sale ad ogni strato (non fate come me che in uno dei due tortini l'ho dimenticato completamente... buono lo stesso, per carità, ma con il sale è tutta un'altra storia!)
Coprite l'ultimo strato con altre melanzane e spolverate con abbondante parmigiano. Mettete in forno a 180 gradi per una 15ina di minuti o finchè il parmigiano in superficie non si sia ben dorato formando una crosticina. Servite caldo.

1 commento:

  1. Davvero una ricetta furba: svuotafrigo, leggera, saporita e anche simpatica da presentare. Impossibile non "copiartela" ;-)

    Bacioni e buon week end

    RispondiElimina