Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

venerdì 20 luglio 2012

Torta yogurt profumata al limone



Ogni tanto sparisco, ma è pura pigrizia, lo confesso! Non è che non abbia cucinato in questo periodo...qualcosa ho fatto, tra una piadina ed un'insalata...però proprio di mettermi al computer a scrivere non avevo nessunissima voglia. Ho poltrito pigramente sul divano per ore (o almeno tanto mi è sembrato il tempo passato così..!), un po' sonnecchiante e un po' con la mente in frullìo continuo sulle ultime cose da fare prima dell'arrivo del bimbo.
Sono stata operativa, anche, ma in modo decisamente meno "intellettuale" del solito. Ho fatto il bucato, ho stirato, ho rassettato casa, ho riordinato gli armadi...tutte cose che normalmente faccio, ma che in questo periodo mi sembra occupino tutto il mio tempo semplicemente perchè ho modo di diluirle con calma e in base ai miei ritmi durante l'arco dell'intera giornata.
Quando però mi rendevo conto che l'assenza dai fornelli si stava facendo preoccupante (sopratutto per il marito che, pur non dicendo nulla, guardava sconsolato le continue cene frugali...), correvo ai ripari e quale miglior modo se non in occasione di una bella cena tra amici? E quindi via ad organizzare di nuovo! Non mi piace proprio stare senza far niente in effetti...non tutto il giorno almeno! :)
Le cene tra amici, tre l'altro, sono una di quelle cose che mi rilassa tantissimo! Non mi importa di dover cucinare per 5 o per 10 persone, non mi pesa e non mi fa differenza, anzi, mi costringe a tenere allenata la mente e la fantasia in cucina (non sempre con risultati degni di nota in verità...ma tralasciamo..).
In più sono dei momenti bellissimi in cui si può chiacchierare in compagnia, aggiornarsi sulle vite gli uni degli altri e condividere buone notizie e preoccupazioni. Sono momenti rari che se passati intorno ad un tavolo per pranzo o per cena acquistano un significato diverso, una dimensione più intima, di un semplice caffè al bar, ad esempio.
Insomma il punto è che va bene cucinare, ma cucinare per gli altri è davvero un'altra cosa! E' una dimostrazione d'affetto, come un grande abbraccio culinario che varia d'intensità in base al momento, ai commensali, a ciò che si vuole dire con quel pranzo o con quella cena! Mi capite? Non sono matta, giuro! :)
Beh, comunque, in una di queste preparazioni, ho fatto un dolce che a mia volta mi è stato fatto da una mia cara amica, Erika, che di dolci, diciamolo, ne capisce (e che tra l'altro fa delle torte decorate con pasta di zucchero davvero strepitose!! :)
E' perfetto perchè è un dolce fresco, versatile e non richiede un lungo utilizzo del forno (fattore non indifferente in questo periodo!)
Io l'ho realizzato esattamente come la ricetta originale prevedeva e quindi al limone, ma voi sbizzaritevi pure con gli abbinamenti e poi fatemi sapere se lo avete provato, mi raccomando! :)

Torta yogurt profumata al limone

Per il guscio di pasta frolla: 
300 gr di farina
100 gr di zucchero
150 gr di burro (io come al solito uso la margarina)
1 uovo
1/2 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
buccia grattugiata di un limone

Per la farcitura:
250 gr di yogurt bianco o al limone
150 gr di ricotta
200 ml di panna liquida
succo di un limone
6 gr di colla di pesce
60 gr di zucchero
1 cucchiaio (o più) di marmellata di limoni

Innanzi tutto preparare la pasta frolla mescolando insieme tutti gli ingredienti e amalgamando velocemente per evitare che il burro si sciolga troppo. Una volta formata una palla liscia e compatta, avvolgerla in un po' di pellicola per alimenti e metterla un mezz'oretta in frigo. Trascorso questo tempo infarinare bene la spianatoia e stendere la pasta prima di sistemarla in una teglia di circa 25/30 cm di diametro (altezza bordo circa 1 cm e mezzo) rivestita da carta forno. Bucherellare la pasta con una forchetta prima di infornarla per 15 minuti a 180° in forno preriscaldato. Una volta pronta, estrarla dal forno e lasciarla raffreddare.

Nel frattempo, in una ciotola, amalgamare tutti gli ingredienti per la farcia, fatta eccezione per la colla di pesce che dovrà prima essere messa in ammollo in 5 o 6 cucchiai di panna liquida (prelevati dall'insieme) scaldata a bagnomaria, e per la panna restante, che andrà montata prima di unirla al resto.

Sulla pasta frolla stendere un sottile velo di marmellata di limoni prima di versarvi tutto il composto cremoso, e riporre in frigorifero per almeno un paio di ore. Decorare a piacere con marmellata o fettin di limoni prima di servire.

2 commenti:

  1. Mi andrebbe proprio una fetta..
    Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Io invece ho potuta mangiarla appena "sfornata".. buona! Ci stava benissimo dopo l'abbondante insalata di riso, le frittatine e la macedonia estiva!
    Brava ila! E grazie ;)* (<- goccia di bavetta)

    RispondiElimina