Seguimi via Email

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 5 luglio 2011

L'anatra e Masterchef! ;)

Ipotizzate di trovarvi nel back stage di un famoso programma Tv di cucina. Ipotizzate di avere a disposizione una cucina enorme e una dispensa super-accessoriata. E in questo contesto, immaginate di dover inventare su due piedi, in pieno pomeriggio di un sabato di giugno, una ricetta con un ingrediente segreto tipo...petto d'anatra! Sob!

Questo è esattamente quello che è capitato a me circa una quindicina di giorni fa...dopo aver ricevuto ( e accettato!) un invito a passare un pomeriggio negli studi di Cielo TV durante la registrazione della versione italiana di Masterchef.

Inizialmente, a dire il vero, la nostra presenza lì era stata pensata (o almeno così capita...) per farci assistere alla registrazione della puntata. Camere da presa, microfoni, faretti, ciak...azione! Così me l'ero immaginata! E in tutto questo trambusto di personaggi e operatori di scena, noi, le blogger, che, con i nostri nasi curiosi, stavamo a sbirciare da dietro, mentre tutte le immagini venivano catturate e preparate per il futuro lancio in tv.
Ecco, no, non è andata così, e non vi nego che inizialmente un po' ci sono rimasta male...
Cioè, mi invitate nel back stage di un programma tv, e poi del programma tv...resta solo la scenografia (quella ce l'hanno fatta vedere, durante la pausa!)
Poi però è arrivato il "cuoco di produzione" e il producer e gli autori...e hanno iniziato a spiegarci a grandi linee quello che sarebbe stato il nostro pomeriggio, tipo: "dividetevi in due squadre: vi sfiderete in cucina partendo da un ingrediente segreto!"
Eh?! Ma dite davvero?!
Ero rimasta un po' stupita! Non mi aspettavo di dover cucinare!

Ma a me piace stare al gioco e vedere dove si va a finire...per cui, in compagnia delle mie valorose compagne di squadra (Valentina di Butta la Pasta e Alessandra di Bad TV), appena visto l'ingrediente segreto, abbiamo iniziato la "spremitura delle meningi", devo dire, con ottimi risultati! ;)

Valentina ha avuto l'idea geniale di giocare, per una carne come l'anatra, sulla semplicità più assoluta, scelta che (olè!) si è dimostrata vincente! :) Il mio contributo si è concentrato per lo più sugli involtini di radicchio ripieni di...ehm...radicchio! :) E Alessandra, che è una blogger sì, ma scrive di tv, oltre a svolgere una perfetta attività di supporto della squadra, si è concentrata su interviste e raccolta di informazioni! ;)

Ci siamo divertite! Tra le mani immerse nel burro e l'odore delle erbette ancora nel naso, abbiamo passato un sabato pomeriggio diverso (particolare direi!) con persone simili e diverse che scrivono o lavorano come matti nella parte in ombra della tv.
E' impressionante assistere alla messa in moto di una macchina gigantesca (di persone, di risorse, di energie...) che porterà alla luce solo qualche ora del loro lavoro! Hanno tutta la mia stima! Ecco! :)

E l'anatra? L'abbiamo preparata e l'abbiamo lasciata lì (che spreco! :), utilizzata solo per farne oggetto di giudizio dei giudici del programma (!!!), maestri severi (e a tratti aspri, quasi rudi!), delle nostre casalinghe tecniche di cucina.
La soddisfazione è nel giudizio (è piaciuta la nostra cara anatra arrosto! :), ma è sopratutto nell'esperienza che, nel bene e nel male, ci ha fatto conoscere gente nuova e ci ha regalato uno sguardo direttamente dentro la scatola nera della nostra tv! ;)


Arrosto d'anatra in crosta di erbette

Petto d'anatra
burro
erbe aromatiche a scelta (noi abbiamo usato rosmarino, prezzemolo, salvia, mentuccia, erba cipollina...)

radicchio per l'accompagnamento


Come prima cosa abbiamo sminuzzato le erbe aromatiche e le abbiamo unite al burro lavorandoli bene insieme. Abbiamo poi avvolto il burro nella pellicola trasparente e l'abbiamo riposto in frizer per farlo solidificare.
Nel frattempo abbiamo acceso il forno per farlo riscaldare e abbiamo passato il petto d'anatra in una padella già calda per farla sigillare da entrambi i lati.
Finita questa operazione, abbiamo adagiato la carne in una pirofila e l'abbiamo ricoperta con delle fettine molto sottili di burro aromatizzato, per poi metterla in forno a 180/200 ° per 10 minuti circa. Al termine della cottura abbiamo spolverato l'arrosto con del sale in fiocchi aromatizzato al sedano.

Perchè sia cotta alla perfezione, la carne deve conservare all'interno un colore rosato e succoso (vedi foto! ;)

Per il radicchio, invece, ne abbiamo semplicemente passato alcune foglie in padella con un po' di burro alle erbe, abbiamo poi farcito le foglie intere con il radicchio a pezzetti e abbiamo chiuso gli involtini con dei fili di erba cipollina.

Giuro, più facile di così era impossibile! :) Grazie a tutti!

7 commenti:

  1. che avventura fantastica ... io non credo che avrei il coraggio .

    RispondiElimina
  2. Ilaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    come sono orgoglioso di te!
    in tv, addirittura!!!

    P.s. stiamo a 8500 contatti, quando iniziamo a pensare di monetizzare tutto ciò? (chiedi ad Andrea)

    RispondiElimina
  3. @Housewives - Ma va! non è di coraggio che si tratta! Semmai della voglia di provare cose nuove! E' stata un'esperienza carina in effetti! :)

    @Cappu - Ma ciaoooooo!!! Eh eh eh, monetizzare che bella parola! E poi non sono andata in tv, ma solo nel back stage! ;)

    RispondiElimina
  4. Allora ora dico la mia. Ma senti ila ma perchè non molli il tuo lavoro e ti dedichi alla cucina?? Ti metti in proprio, crei la tua rete di clienti anche attraverso il blog e sforni catering a destra e a manca! Ti ci vedo: è un ruolo da cuoca, da marketing manager e da imprenditrice! E tu saresti in grado di fare tutte e tre le cose! Ecco magari la parte più amministrativa la lasci al tuo fresco sposino.. ;)

    GUARDA CHE DICO SUL SERIO! ..la fonte ispiratrice è una mia collega (educatrice) che di secondo mestiere fa la cuoca e arrotonda molto bene! Senza servirsi di blog o altro!

    Insomma hai un premio, una giornata in TV, 8500 contatti, tanta passione, competenze in comunicazione e marketing, per non parlare delle doti relazionali, creatività da vendere, cultura culinaria calabrese con influenze lombardo-americane.. ma che cavolo aspetti?????

    Un bacio,
    l'orientatrice :)

    RispondiElimina
  5. Tesoro! ^__^ Mi lusinghi! Smack! ^__^

    RispondiElimina
  6. Ma ciao cara, ho letto solo oggi questo post! Io ci sono rimasta talmente male che non ho scritto ancora niente sul mio blog, baci!
    Il racconto mi e' piaciuto un sacco, io non avrei saputo fare di meglio....

    RispondiElimina
  7. Ho letto il post solo adesso :D Io non sono potuta venire a Milano ma ho lavorato in tv e immagino la sorpresa quando ti trovi, per la prima volta, dall'altra parte :D
    Bella ricetta ma soprattutto bel racconto ;)

    RispondiElimina