Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

mercoledì 9 novembre 2011

Tortino di patate che si sentiva un pranzo..



Non so se avete presente la frustrazione che si prova ad arrivare in ufficio una bella mattina e rendervi d'improvviso conto che il pranzo che tanto accuratamente avevate preparato fino a tarda sera il giorno prima, è rimasto comodamente adagiato sul tavolo...!
Ecco, è così che ho iniziato la mia giornata oggi!
Il pacchettino ben confezionato e accompagnato da 2 belle mele grosse e croccanti (tanto per cercare di avere un pasto completo...), conteneva due mini tortini di patate cotti amabilmente in forno dentro le mie bellissime cocottine Le Creuset.
L'idea era di unire l'utile al dilettevole facendo fuori patate (che onestamente necessitavano una fine imminente) e uova in un simpatico e pratico tortino che avrebbe assunto la forma di pranzo il giorno dopo.
Tutto sfumato. Ovviamente, quindi, non ho idea di come sia venuto e dovete andare a fiducia, mentre io oggi mi sono dovuta tristemente accontentare di un panino al prosciutto...

Tortino di patate

3 patate grosse
2 uova
1/2 cucchiaino di cumino
un pizzico di noce moscata
pepe
sale
formaggio grattugiato
1 tazzina da caffè di latte
1 fiocco di burro o margarina (per ungere la cocotte)
1 cucchiaio di farina

Ho pelato le patate e le ho sciacquate bene. poi le ho tagliate a fettine sottili. A parte ho sbattuto le uova, ho aggiunto le patate e le spezie e ho salato il tutto.
Ho unto le due cocottine con della margarina e le ho cosparse con un po' di farina per semplificare l'estrazione dei tortini dalle cocotte.
Ho inserito n ogni cocotte una quantità uguale di patate cercando di distribuirle in modo uniforme, ho versato il latte (mezza tazzina per ogni cocotte) e ho cosparso con il formaggio.
Ho messo i tortini in forno con il coperchio per circa 10 minuti a 180° in forno già caldo. Trascorso questo tempo, ho tolto i coperchi e ho fatto andare per altri 20/30 minuti.  I tortini hanno iniziato a gonfiarsi e quando si sono dorati in superficie, erano pronti.
A questo punto ho spento il forno, l'ho aperto il tanto necessario per far uscire un po' il calore e ho lasciato intiepidire i tortini all'interno senza estrarli. per tutta la notte. Questo perchè la mia intenzione era farli raffreddare per poterli trasportare più facilmente, ma se li preparate per mangiarli subito, è sufficiente aspettare una decina di minuti prima di servirli ancora ben caldi.

6 commenti:

  1. Non so cosa si senta quel tortino ma sicuramente io ci pranzerei molto molto volentieri =)

    RispondiElimina
  2. =(
    Per fortuna non mi è mai capitato..ma se mi capitasse andrei subito a casa a mangiarmi il tortino preparato con tanto amore la sera prima, con il rischio di farmi licenziare!!! ;-P
    Comunque doveva essere buono!

    RispondiElimina
  3. @ Cey, sì, anche io ci avrei pranzato volentieri...sob...ma ho rimediato oggi! Dovevo togliermi lo sfizio!

    @VaNe, sì, meritava il licenziamento...eheheh, ma visti i tempi che corrono ho semplicemente rimandato la degustazione al giorno dopo! ;)

    RispondiElimina
  4. è capitato anche a me :(
    ci rimani malissimo!!
    complimenti ricetta pratica e sfiziosa :)
    sicuramente da copiare

    Giulia

    RispondiElimina
  5. mi capita spessissimo.... ma di questi tempi di dieta forzata non lascia a casa un granchè :P così non mi dispiaccio ;)))

    RispondiElimina
  6. Povero tortino abbandonato...e povera te senza pranzo! Non sai quanto ti capisco: succede anche a me! Comunque la ricetta e' proprio golosa!

    RispondiElimina