Uno sguardo sui miei piatti

Uno sguardo sui miei piatti

Seguimi via Email

lunedì 8 luglio 2013

Nasello al latte con le patate



C'è ancora qualcuno che legge questo blog anche se viene aggiornato così di rado? Beh, speriamo di sì! 
Io oggi scrivo, e scrivo di un piatto nato per la necessità di cuocere un pesce, il nasello, in un qualunque modo fuorchè con i pomodorini, che anche basta! :) 
E il risultato, a dispetto dell'apparenza (a parte la foto che non è da copertina, anche sull'aspetto del piatto in sè si può lavorare..!) mi ha molto soddisfatta! 
Cremoso e saporito, non so quanto rientri nelle ricette per l'estate. Lo vedrei meglio mangiato in autunno, con i primi freddi... 
Ma questo è, per cui non starei troppo a sindacare sul periodo. E poi ormai l'ho mangiato ed era pure buono! Bon apétit!

Nasello al latte con le patate

1 nasello di medie dimensioni  (o 2-3 filetti surgelati)
1/4 di cipolla
2 patate
Una manciata di capperi dissalati
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Latte q.b.

Se avete preso il nasello fresco e quindi intero, il mio consiglio è di bollirlo o cuocerlo a vapore prima di metterlo in padella com le patate, in modo da poter anche diliscarlo e pulirlo per bene eliminando già testa, pelle e coda. Se invece avete comprato i filetti o i cuori di nasello surgelati, potete anche saltare questo passaggio.
Pelate le patate e tagliatele a rondelle di circa due millimetri di spessore. Se ce l'avete aiutatevi con una mandolina in modo che vengano abbastanza sottili, ma non troppo.
Mettete l'olio in una padella antiaderente con la cipolla tritata, fate soffriggere leggermente e aggiungete le patate. Dopo un paio di minuti (giusto il tempo che le patate iniziano a dorarsi), aggiungete il nasello e coprite tutto con il latte. Fate cuocere per 20-30 minuti a fuoco medio e con il coperchio leggermente sollevato. A metà cottura aggiungete i capperi.
Una volta addensato, servite, magari accompagnando con una insalatina verde che ripulisce il sapore del pesce alla fine.

3 commenti:

  1. il nasello è uno di quei pesci che andrebbe rivalutato.molt interessante l'abbinamento e penso molto cremoso

    RispondiElimina